info@finagegroup.it +39.02.899.19637

,

LOMBARDIA: linea internazionalizzazione

Home » LOMBARDIA: linea internazionalizzazione
regione lombardia misura a favore dell'internazionalizzazione dell pmi

La misura “Linea Internazionalizzazione 21-27- Progetti per la competitività sui mercati esteri” intende sostenere lo sviluppo dell’internazionalizzazione delle PMI lombarde, favorendo la crescita della competitività sui mercati globali, anche alla luce della crisi causata dal conflitto Russia – Ucraina che ha reso ancor più necessaria l’esigenza di diversificare e incrementare le opportunità di business.

DOTAZIONE

Oltre 7 milioni di euro

__________________________________________

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di partecipazione alla misura le PMI che soddisfano i seguenti requisiti:

  • regolarmente costituite, iscritte e attive nel Registro delle Imprese con almeno due bilanci approvati alla data di presentazione della domanda al bando attuativo;
  • con una sede operativa in Lombardia al momento della concessione dell’agevolazione.
Agevolazione

Con un investimento minimo pari ad euro 35.000, l’agevolazione sarà concessa ed erogata fino al 100% delle spese ammissibili, con le seguenti modalità:

  • 80% sotto forma di finanziamento agevolato;
  • 20% sotto forma di contributo a fondo perduto.

Il tasso nominale annuo di interesse applicato al finanziamento è fisso e pari allo 0%, e la durata del finanziamento è compresa tra 3 e 6 anni, con un periodo di preammortamento massimo fino all’erogazione del saldo e non superiore a 24 mesi.

Il contributo massimo erogabile è pari a fino a euro 350.000.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese di:

a) partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi a queste collegati;
b) istituzione temporanea all’estero e/o in Italia (per un periodo di massimo 6 mesi) di showroom / spazi espositivi / vetrine / esposizioni virtuali per la promozione dei prodotti/brand sui mercati esteri;
c) azioni di comunicazione ed advertising relative al programma integrato;
d) spese relative allo sviluppo e/o adeguamento di siti web o l’accesso a piattaforme cross border (B2B/B2C);
e) consulenze in relazione al programma integrato (incluse le spese per la definizione del progetto);
f) spese per il conseguimento (diverse dalle consulenze) di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei paesi target;
g) commissioni per eventuali garanzie fidejussorie;
h) spese di formazione per il personale relative al programma integrato nella misura pari al 10% delle spese totali di cui alle precedenti lettere a), b), c), d), e) e f);
i) spese per il personale dipendente (in Italia e all’estero) impiegato nel programma integrato di sviluppo internazionale, determinate in maniera forfettaria nella misura pari al 20% delle spese totali di cui alle precedenti lettere a), b), c), d), e) e f);
j) spese generali determinate con un tasso forfettario pari al 7% delle spese ammissibili di cui alle precedenti lettere a), b), c), d), e), f), g), h)

Come e quando presentare domanda

Nei prossimi mesi verrà emanato il Bando attuativo e quindi aprirà lo sportello per la presentazione delle domande, che prevedono una procedura valutativa a sportello.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Articoli correlati