info@finagegroup.it +39.02.899.19637

,

Credito d’imposta energia e gas: come accedere all’agevolazione

Home » Credito d’imposta energia e gas: come accedere all’agevolazione
Decreto aiuti per credito d'imposta su energia e gas

Con la circolare n. 13 del 13 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti in merito ai requisiti necessari per la fruizione dei crediti d’imposta riconosciuti alle imprese “energivore” e “non energivore”, istituiti dal governo con l’obiettivo di mitigare gli effetti degli incrementi dei prezzi dell’energia e del gas naturale.

Rispetto alle disposizioni del DL 17/2022 (convertito in legge del 27 aprile 2022 n. 34) e del DL 21/2022, le misure approvate con la pubblicazione in GU del c.d “Decreto Aiuti” (decreto legge del 17 maggio 2022 n. 50) avevano già aumentato il valore dei crediti di imposta a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica (anche autoprodotta) e gas naturale.

Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti per accedere al credito e la misura spettante con l’aiuto delle tabelle riepilogative che forniscono un quadro complessivo delle agevolazioni previste e delle modalità di utilizzo.

  1. IMPRESE ENERGIVORE – ENERGIA ELETTRICA
  TIPOLOGIA REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI AGEVOLAZIONE
I TRIM 2022 II TRIM 2022
IMPRESA ENERGIVORA Acquista energia elettrica Opera nei settori indicati dall”Allegato 3 delle linee guida CE

oppure

Opera nei settori indicati dall’Allegato 5 delle linee guida CE e possiede un IVAL non inferiore al 20%

Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% Credito di imposta del 20%  sulla spesa energetica Credito di imposta del 25%  sulla spesa energetica
ed è ricompresa negli elenchi CSEA del 2013 e del 2014
Produce e autoconsuma energia elettrica Opera nei settori indicati dall’Allegato 3 delle linee guida CE

oppure

Opera nei settori indicati dall’Allegato 5 delle linee guida CE e possiede un IVAL non inferiore al 20%

Variazione del costo medio dei combustibili utilizzati per la produzione di energia superiore al 30% Credito di imposta del 25%  sui kWh prodotti e autoconsumati nel II trimestre 2022, valorizzati al PUN del II trimestre 2022
ed è ricompresa negli elenchi CSEA del 2013 e del 2014

 

     2. IMPRESE NON ENERGIVORE – ENERGIA ELETTRICA
  TIPOLOGIA REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI AGEVOLAZIONE
I TRIM 2022 II TRIM 2022
IMPRESA NON ENERGIVORA Acquista energia elettrica Dotata di contatore di potenza pari o superiore a 16,5 kWh Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% Credito di imposta del 15% sulla spesa energetica
Produce e autoconsuma energia elettrica Variazione del costo medio dei combustibili utilizzati per la produzione di energia superiore al 30% Credito di imposta del 15%* sui kWh prodotti e autoconsumati valorizzati al PUN del II trimestre 2022

 

    3. IMPRESE GASIVORE – GAS NAURALE
  TIPOLOGIA REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI AGEVOLAZIONE
I TRIM 2022 II TRIM 2022
IMPRESA GASIVORA Acquista gas naturale Opera nei settori indicati dall’Allegato 1 del DM 541/2021 e ha consumato nel I trim. 2022 un volume almeno pari a 0,25 GWh Variazione prezzo medio di riferimento del MI-GAS superiore al 30% Credito di imposta del 10% sui consumi non termoelettrici Credito di imposta del 25% sui consumi non termoelettrici

 

     4. IMPRESE NON GASIVORE – GAS NAURALE
  TIPOLOGIA REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI AGEVOLAZIONE
I TRIM 2022 II TRIM 2022
IMPRESA NON GASIVORA Acquista gas naturale Credito di imposta del 25% sui consumi non termoelettrici

 

Il credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione, non concorre alla formazione del reddito d’impresa né della base imponibile Irap ed è cumulabile, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto.

Il codice tributo da utilizzare per usufruire del credito d’imposta è “6960” e va inserito nel modello F24, da presentare solo tramite servizi telematici, nella “sezione erario”:

  • in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” oppure
  • nei casi in cui l’esercente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Articoli correlati