,

Contributi a sostegno dell’alluvione in Toscana

Home » Contributi a sostegno dell’alluvione in Toscana
misure a supporto delle imprese esportatrici toscane
NOVITÀ GENNAIO 2024
Estensione delle misure di compensazione per i danni materiali diretti subiti anche dalle imprese colpite dall’alluvione in Toscana nel novembre 2023.

Le imprese situate nei territori colpiti dall’alluvione in Toscana beneficeranno dell’espansione delle misure di indennizzo per i danni materiali diretti causati da tale evento calamitoso. Questa iniziativa, precedentemente attiva per l’Emilia-Romagna e le aree circostanti, verrà estesa anche a tali imprese. L’accesso ai contributi a fondo perduto sarà ampliato sia per le imprese colpite dall’alluvione nel maggio 2023 che per quelle colpite nel novembre 2023. Questa estensione si applicherà anche alle imprese non direttamente coinvolte nell’esportazione, ma facenti parte di una filiera produttiva orientata all’esportazione, con un fatturato derivante da transazioni comprovate con imprese attive direttamente nei mercati esteri.

La dotazione finanziaria prevista per questa misura in Toscana è di 100 milioni di euro.

Inoltre, le imprese colpite dall’alluvione in Toscana avranno accesso alle stesse condizioni già previste dal pacchetto di misure SIMEST relative al Fondo 394 per la Transizione Digitale ed Ecologica. Ciò include la possibilità di destinare il 90% del finanziamento a spese di rafforzamento patrimoniale, una riserva di 400 milioni di euro e l’opportunità di accedere a una quota a fondo perduto del 10%.

A queste condizioni si aggiunge la facoltà di richiedere l’esenzione dalla presentazione di garanzie per le domande presentate dal 27 luglio 2023 fino al 31 dicembre 2024.

Contemporaneamente, SIMEST offre alle imprese colpite del territorio toscano la possibilità, simile a quanto previsto per l’alluvione nel maggio 2023, di richiedere la sospensione dei pagamenti in quota capitale e interessi sui finanziamenti in corso a valere sul Fondo 394 e sulla misura PNRR/Fondo 394 fino al 31 dicembre 2024. Questa sospensione sarà garantita senza estendere la durata massima complessiva del periodo di rimborso e includerà una proroga di 6 mesi per i termini di rendicontazione previsti per tali finanziamenti.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Articoli correlati